• Diario

    Posted on July 28th, 2014

    Written by Rubber

    Tags

    11

    Eccoci al consueto diario della serata allo Shirley’s.

    La serata inizia quando, fischiettando allegramente, mi sono avviato alla volta della sala prove per caricare gli strumenti. Giunto sul posto mi accorgo che per motivi di chiavi, chiavistelli, lucchetti e spranghe, la sala è blindata e inaccessibile. Con l’aiuto di un fabbro e uno scassinatore, riesco dopo un’ora di piede di porco e grimaldelli, a riappropriarmi degli strumenti e caricarli. Finalmente giungo allo Sherley’s pub con un leggero ritardo, venendo accolto con un caloroso “Checcazzo di fine hai fatto?”. Posso spiegare tutto: è una questione di chiavi, chiavistelli, lucchetti e spranghe, ma vabbè, non vi sto a dire che non capireste.

    Oltre a noi suonava anche un altro gruppo che siccome hanno un nome complicato in inglese che non mi ricordo affatto, facciamo finta che si chiamassero i Devastazione Punkettona, che fanno del sano punk D.O.C.G.

    Si comincia a montare tutti insieme (che detta così sembra la descrizione di un’orgia gay, ma invece le uniche cose che abbiamo infilato erano spinotti jack e spine elettriche). La batteria trova spazio su un tappeto persiano magnifico. Abbiamo anche delle luci a LED in dotazione, che ogni volta che fai un rumore, cambiano colore da sole. Si prova a far cambiare colore a suon di scoreggia, ma non riusciamo nell’impresa per mancanza di potenza sonora. Intanto, siccome siamo all’aperto e visto che ultimamente ogni giorno piove, Jerry decide di sacrificare una chitarra al dio Odino per scongiurare il maltempo.

    Finalmente finiamo coi montaggi e prove suoni e si va a tavola per mettere qualcosa sotto i denti. Ma siccome c’era tanta gente, il Signore del Pub dà la precedenza alla tanta gente. Così passa mezz’ora, un’ora due ore ma non arriva niente. Quando intercettiamo la cameriera, Chano ne approfitta per fermarla e sbranarla viva. Partecipiamo tutti al banchetto come iene fameliche e finalmente siamo sazi.

    Intanto i Devastazione Punkettona stanno suonando e anche bene, nonostante fossero al loro debutto sul palco.

    Poi tocca a noi suonare; Odino ha gradito il sacrificio chitarroso quindi non solo non piove, ma si sta anche bene. La serata si conclude con una jam session punk insieme ai Devastazione Punkettona, la fine del rum che ci eravamo portati e tanta festa.

    Alla fine il Signore del Pub per scusarsi del ritardo col cibo, ci regala dei buoni pasto, un prosciutto,  una passeggiata enogastronomica nelle langhe e un salame felino a testa. Noi, per scusarci che gli abbiamo sbranato la cameriera, gli restituiamo prosciutto, salame felino e passeggiata enogastronomica, ma ci teniamo i buoni pasto.

    Bon, soliti ringraziamenti a quelli che sono venuti a sentirci, a quelli che sono passati di lì e sono scappati via, a quelli che sono corsi a mettersi i tappi nelle orecchie, a quelli che gli abbiamo fatto sciogliere i tappi di cerume dalle orecchie, a quelli che hanno ballato, a quelli che hanno pogato, a quelli che hanno festeggiato il proprio compleanno, al Signore del Pub, alla fu cameriera, a Odino, al rum e ai Devastazione Punkettona.

    Una bella serata allo Shirley’s pub. Alla prossima!

    This entry was posted on Monday, July 28th, 2014 at 10:23 and is filed under Diario. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
  • 0 Comments

    Take a look at some of the responses we've had to this article.

  • Leave a Reply

    Let us know what you thought.

  • Name (required):

    Email (required):

    Website:

    Message: