• Diario

    Posted on August 2nd, 2007

    Written by Rubber

    Tags

    pulizie.jpg

    Eccoci qua dopo quello che abbiamo definito “sabato sera infrasettimanale”. Ieri siamo addirittura usciti dal cuneese (che paura!) e siamo andati a fare un concerto all’estero: addirittura a Torre Pellice. Ma eravamo attrezzati per non perderci, siamo armati di un sofisticatissimo navigatore satellitare che funziona così: in automatico quando vede un passante tira giù il finestrino e gli chiede indicazioni. Efficientissimo. Ciononostante siamo riusciti a perderci al ritorno: tutti dietro a Bertu che esclamava “Seguitemi, la conosco io la strada!”. Nel giro di 30 secondi eravamo già finiti in un vicolo più cieco di Ray Charles.

    Nonostante tutto questo, la serata è andata bene. Al posto di Junior ha fatto il su ritorno Pillo, che dopo 3 anni in Australia ha migliorato molto il suo accento piemontese. Ovviamente,essendo una manifestazione politica, non ci siamo astenuti da fare discorsi politici ( non resistiamo mai di fronte alla somma: manifestazione politica+palco+microfono+platea). E così ci siamo candidati col partito dei Sisimizi alle prossime politiche. E per decidere quali bis fare abbiamo indetto delle democratiche votazioni tra il pubblico.

    Strano ma vero,abbiamo suonato benissimo. Io ho anche resistito a birra e dolcetto che abbondava così sono addirittura andato a tempo,che per uno che suona la batteria è una cosa che aiuta. Non ho resistito invece alle tonnellate di roba che ci hanno dato a cena. In particolare mi sono guadagnato il soprannome di Fred Flistone sbranando una costina delle dimensioni di un tram dell’ATM. Io ho subito protestato urlando “Wilma,passami la clava!”..

    Ringraziamo i tecnici del suono che da fuori si sentiva bene. Anche troppo…stiamo studiando di mettere un limitatore elettronico alle nostre minchiate. Ma la Beringher dice che non ne hanno ancora prodotti di così potenti.

    Alla festa c’era anche l’asta di beneficenza.. ovviamente abbiamo partecipato. Abbiamo vinto delle utilissime ventose da mettere in cucina (o attaccarcele sulla fronte), una frusta per sbattercene, e Bertu un orologio a molla fatto a pallone, di cui è orgoglioso e che fa vedere a tutti come i bambini. Tornando a casa abbiamo intonato “la fera d’la madona” dei Trelilu.

    Ciao a tutti e alla prossima..

    Yabadabaduuuuuu!!!!

    This entry was posted on Thursday, August 2nd, 2007 at 18:01 and is filed under Diario. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
  • 0 Comments

    Take a look at some of the responses we've had to this article.

  • Leave a Reply

    Let us know what you thought.

  • Name (required):

    Email (required):

    Website:

    Message: