• Varie

    Posted on November 1st, 2008

    Written by Rubber

    Tags

    fiasco.jpg

    Buon novembre! Allora, state facendo il “cimitour” in questo periodo? Bene, se state cercando disperatamente la tomba dei Sisimizi per portare un mazzetto di porri di Cervere, sappiate che in realtà i Sisimizi non sono ancora morti. Anche se può sembrare.
    Ci troviamo poco per provare, anzi pochissimo. Ogni tanto qualcuno si assenta e trascura le prove per andare amabilmente a sollazzarsi con qualche fanciulla. E così non suona la chitarra ma uno strumento che sempre da la stessa nota ta-ta-ta-ta.

    Fortunatamente queste assenze sono contingentate, e alla fine la maggioranza per raggiungere il quorum e provare c’è sempre. In pratica tra i Sisimizi, si tromba a targhe alterne.

    Oltre a provare di rado, ormai si arriva tardi a suonare e si va via un quarto d’ora prima. Se lo sapesse Brunetta, metterebbe subito in saletta una macchinetta per le presenze e ci spedirebbe a casa la visita legale.

    Però ciononostante, riusciamo a mettere su pezzi nuovi di questa fantomatica scaletta 2009. Questa settimana abbiamo fatto una canzone romanaccia di Proietti,proprio da osteria che in versione ska è molto carina. Abbiamo sostituito la fisa con i fiati. E la chitarra con un fiasco di vino de li castelli. Suona meno, ma aiuta comunque alla coesione musicale complessiva. La potete sentire nella versione degli Arpioni.
    Poi abbiamo messo su la cara vecchia Rosamunda…ma punk cattivissima (così facciamo contenti i giovani e i vecchi alla sagra del fagiolo borlotto) ed ora stiamo lavorando su due altre cose. Un medley su pezzi di Manu Chao. E la rivisitazione di un pezzo trip hop (che non so che vuol dire ma fa figo dirlo) di Norman Cook…questo fa veramente ballare. Il problema è che lui usa il campionatore, noi invece le trombe vere e batteria al posto della drum machine. Una volta che capiamo dove si infila la spina, è fatta!

    This entry was posted on Saturday, November 1st, 2008 at 13:32 and is filed under Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
  • 0 Comments

    Take a look at some of the responses we've had to this article.

  • Leave a Reply

    Let us know what you thought.

  • Name (required):

    Email (required):

    Website:

    Message: