• Diario

    Posted on October 17th, 2014

    Written by Rubber

    Tags

    1JPG

    Rieccoci al consueto diario post serata. Anche se questo è un diario post-post serata perchè nel frattempo è passata una settimanina. Noi Sisimizi abbiamo tempi di ripresa che si misurano in bradipi. A riprenderci da questa serata, ad esempio, ci abbiamo impiegato cinque bradipi e mezzo.

    Il concerto a Roata Rossi è stato un esperimento insieme a Dj Lucone per vedere come funzionava e, visto che l’esperimento è andato bene, dall’anno prossimo lo proporremo come format: Sisimizi + Dj set+ ballerine di twerking che a un certo punto si denudano e mostrano le proprie grazie. Ok, per questa volta le ballerine non le avevamo, ma solo perchè è un esperimento pilota. Prima dell’anno prossimo i Sisimizi si recheranno nei paesi dell’est a selezionare ballerine con un attento e accurato casting.

    Ma torniamo a noi. Innanzi tutto devo fare un riassunto delle puntate precedenti, perchè altrimenti tra post cancellati, denunce, gente affamata eccetra tu, caro lettore, giustamente non capisci più niente. Allora. Era successo che l’ultima volta siamo andati a suonare per quelli di Centallo alla festa della costina. Però i Centallesi, popolazione notoriamente litigiosa e con una conformazione fisica particolare che porta loro ad avere le braccia decisamente corte, delle costine ci hanno fatto sentire solo il profumo ma non ce ne hanno dato manco mezza. E quando con un allegro post come questo ci siamo lamentati del trattamento poco elegante ricevuto, hanno minacciato querela, denunzia, maledizioni dello stregone del vilaggio e peste nera. E così ho dovuto scancellare il post.

    Ecco.Dopo questa esperienza digiunatoria siamo diventati un po’ circospetti e così, per suonare alla festa della porchetta di Roata Rossi, ci siamo fatti mettere per iscritto e vergare a sangue dall’organizzatore che la cena porchettosa era inclusa. Altrimenti rischiavamo che il Timido lasciato a digiuno poi azzannasse qualcuno o si mangiasse un cane.

    E così ci presentiamo in loco il pomeriggio allegri e pimpanti per il montaggio della roba. Ci hanno posizionato sotto una pittoresca tenda canadese, che tra luci e tutto risultava molto carina e faceva un po’ arabian nights. Abbiamo anche provato a sfregare l’amplificatore di Junior per vedere se sarebbe uscito un Genio. Invece è uscito un kg di polvere e poi è partito un fischio fastidioso che ci ha accompagnato per tutta la serata.

    Finito di montare è arrivata l’ora fatidica della cena offerta dai Roata Rossessi.O Roatesi.O Rossesi.O Roataossessi. Insomma, dagli organizzatori. Aperitivo, antipasti, porchetta e patate, secondo piatto di porchetta e patate, budino fatto con amore, caffè. C’era lì uno di Centallo che a vedere tutte ’ste robe offerte è svenuto.

    Nel frattempo Jerry, che fino a un mese fa rifiutava di iscriversi a whatsapp perchè lo riteneva uno strumento del demonio per traviare le anime dei mortali, da quando Monsignor Milingo l’ha convinto a iscriversi, non si stacca più. E ha inviato a Chano, ancora convalescente nel letto, la foto di ogni singola portata, quella del suo basso, quella di tre formiche che passavano in giardino e un selfie sgranato mentre ruttava.

    A proposito di Chano, ne approfitto per un bollettino medico. Gli hanno finalmente tolto i bulloni e il telaio che gli avevano avvitato al bacino con cui prendeva tranquillamente Al Jaseera e sentiva Radio Vaticano dentro il femore. Adesso che senza parte bionica è tornato umano deve solo più re-imparare a camminare. In ogni caso se per il prossimo concerto non è ancora in piedi, lo portiamo in carrozzella come Bartoli.

    Ma torniamo al concerto. Nonostante i chili di ottima porchetta nello stomaco, siamo riusciti a suonare. Anche Timido ormai è svezzato e gli sta passando la timidezza.

    Non siamo invece riusciti a interpretare cosa cacchio aveva disegnato Dj Lucone sulla maglietta. Forse un monito contro la necrofilia.Forse un’autopsia di C.S.I. Forse ha sbagliato a lavare la maglietta..chissà.

    Ma comunque, riepilogando. La serata è andata bene, gli organizzatori sono stati grandiosi, il pubblico partecipe e quindi non mi resta che lasciarvi con le foto dell’evento!

    Ciao a tutti e alla prossima! (intanto vado all’agenzia a comprare dei biglietti per Riga)

    This entry was posted on Friday, October 17th, 2014 at 18:18 and is filed under Diario. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
  • 0 Comments

    Take a look at some of the responses we've had to this article.

  • Leave a Reply

    Let us know what you thought.

  • Name (required):

    Email (required):

    Website:

    Message: